VERCELLI: mappa turistica, prenotazione alberghi e hotel. Monumenti, chiese e musei. Come arrivare in treno, auto, aereo e autobus. - Piemonte

Vai ai contenuti

vercelliVERCELLI

Posta ulla riva destra del fiume Sesia, che attraversa la città nella sua parte più esterna, Vercelli ha un'estensione a macchia d'olio, che parte dal centro storico, di origine romana, sino a raggiungere le immense distese agricole, adibite specialmente alla coltura del riso, che la rende il più grande mercato del riso europeo.



COME ARRIVARE a VERCELLI

AEREO
L’aeroporto più vicino è Milano Malpensa
che si raggiunge con un servizio regolare di autobus fino alla Stazione Ferroviaria di Novara, quindi si prosegue in treno; in alternativa navetta Malpensa Express fino a Milano Centrale, poi treno, tratta Milano-Torino.
Dall’aeroporto di Torino Caselle
, autobus fino alla Stazione di Porta Susa o Porta Nuova, poi treno, linea Torino-Milano.
In entrambi gli aeroporti funziona un servizio di noleggio auto
.

TRENO

La Stazione FS è situata in Piazza Roma
sulla tratta Milano-Venezia-Torino; sia da Milano che da Torino il tempo di percorrenza è di circa 50 minuti con frequenza dei treni ogni ora.
Le altre direttrici sono la Vercelli-Casale-Alessandria; Vercelli-Casale-Asti; Vercelli-Mortara-Pavia; Vercelli-Santhià-Biella.

AUTO-MOTO

Vercelli è raggiungibile da Milano: percorrendo la A4
Torino-Trieste fino alla deviazione dopo il casello di Biandrate per la A26 Genova-Voltri-Gravellona, uscita casello Vercelli Est; oppure da Torino con la A4 Torino-Trieste, sulla quale si deve prendere dopo il casello di Borgo d'Ale la deviazione per Alessandria-Genova, uscita casello di Vercelli Ovest; infine da Genova imboccando la A26 Genova-Gravellona con uscita al casello di Vercelli Est.
Distanze: da Milano 83 km, da Torino 80 km  da Genova 135 km.

AUTOBUS

Autolinee giornaliere collegano Vercelli con Biella, Alagna, Varallo, Casale, Chivasso, Ivrea, Novara oltre che con Torino
e Milano.
Consulta gli orari degli autobus nazionali
nel motore di ricerca a lato oppure gli orari degli autobus regionali in partenza e arrivo da Vercelli.

MONUMENTI e CHIESE di VERCELLI

COSA VEDERE A VERCELLI: ATTRAZIONI TURISTICHE


BASILICA DI SANT'ANDREA
La basilica di stile gotico francese è dedicata a Sant'Andrea e fu edificata tra il 1219 ed il 1227, per volere del Cardinale Guala Bicchieri; è probabile che Benedetto Antelami abbia contribuito alle progettazione ed alla realizzazione di alcune sculture che ne ornano la facciata.
Due torri sono affiancate al fronte, l'interno è a croce latina, con lo spazio riservato al coro in pianta rettangolare.
Da vedere le tarsie figurate del 1511, opera di P. Sacca.

cattedrale di vercelli

CATTEDRALE
La chiesa è dedicata a Sant'Eusebio
primo Vescovo della città e patrono di Vercelli.
La cattedrale è stata costruita nel XVI secolo sulle basi di un'antica chiesa paleocristiana, ha subìto in seguito varie modifiche nel 1700.
All'interno si possono ammirare la cappella barocca
del beato Amedeo di Savoia e il crocifisso, capolavoro di oreficeria dell'XI Secolo, in lamina d'argento modellata, lavorata a sbalzo sullo sfondo e in alcuni punti dorata.

SINAGOGA

Il Tempio Israelitico si trova seminascosto dai palazzi di piazza D'Azeglio e di via Foa.
E' un edificio slanciato, dallo stile esotico e caratterizzato da forme di evidente ispirazione mediorientale.
La facciata del Tempio è caratterizzata da strisce orizzontali bianche ed azzurre, che si alternano l'una con l'altra e sono costituite da pietra arenaria di Saltrio.
L'ingresso è protetto da un piccolo portico, e appena sopra di esso sono scolpite due scritte in caratteri ebraici, tra le quali sono raffigurate le Tavole della Legge.
Sempre nel corpo centrale spicca una grossa vetrata circolare, mentre nei corpi laterali sono presenti due alte finestre.

torri vercelli

LE TORRI
Le torri sono una testimonianza del passato medioevale della città di Vercelli.
La più celebre è probabilmente la Torre dell'Angelo
, che si trova in Piazza Cavour, ma ve ne sono molte altre come Torre Tizzoni, Torre del Comune, Torre degli Avogadro, Torre del Broletto e la Torre di Via Dante.
La Torre dell'Angelo custodisce una leggenda secondo la quale i politici che durante la notte riescono a vedere delle fiamme blu sulla cima della torre, moriranno di lì a pochi giorni.
Queste fiamme sarebbero l'Angelo della Morte, da qui si crede ne derivi il nome.

piazza cavour vercelli

PIAZZA CAVOUR
E' la piazza principale di Vercelli, prima di prendere il nome dello statista piemontese, si chiamava piazza Maggiore.
I portici, sono di epoca medioevale: furono costruiti tra il 1300 ed il 1400.
Del XIV secolo è la Torre dell'Angelo
, costruzione che ha subito notevoli modifiche nel XIX secolo.
Fino al XVI secolo, tre erano le chiese che si affacciavano su piazza Maggiore.
Oggi di quegli edifici non vi è quasi più traccia, ad eccezione del campanile di San Tommaso
, che nel 1856 fu trasformato in torre dell'orologio.
Al centro la statua di Camillo Benso Conte di Cavour, scolpita da Ercole Villa, ai piedi dell'imponente figura del conte, si trovano due statue di donne reppresentanti, l'una l'agricoltura, l'altra il commercio e l'industria; sono entrambe opera dello scultore Argenti.

L'ANFITEATRO ROMANO

Giaceva nella zona ora delimitata da via Massaua, viale Rimembranza, corso De Rege e corso Salamano.
Aveva forma ellittica, di grosse dimensioni; secondo alcune fonti, le gradinate poggiavano su terrapieni contenuti in strutture contraffortate.
Nel 1560 circa furono ritrovate nella zona dell'anfieteatro, in seguito ad alcuni scavi, anche due bellissime statue: una figura maschile ed una femminile, si desume si trovassero al centro della costruzione.
Probabilmente una delle due statue, raffigurante Apollo, fu fatta portare nel 1565 da Vercelli a Torino dal Duca Emanuele Filiberto.
Esistono ancora pochi resti visibili dell'anfiteatro di Vercelli nella zona dove scorre l'antica roggia Molinara.

VIA FRANCIGENA

Era uno degli itinerari più trafficati nell'Europa del medioevo.
Non era una vera e propria strada, ma un insieme di percorsi e sentieri alternativi, che dalla Francia conducevano a Roma (la via che arriva dalla Francia, da cui il nome Via Francigena
).

castello visconteo vercelli

CASTELLO VISCONTEO
L'antico castello visconteo fu realizzato per volere di Matteo Visconti nel 1290.
A pianta quadrangolare, con torri angolari di guardia a pianta quadrata, subì svariati restauri e fu usato in epoca napoleonica come rifugio militare, divenne poi un carcere ed infine cominciò ad assolvere le funzioni di tribunale dal 1838.

Tratto ed adattato da Wikitravel Italia

Offerte HOTEL e BED AND BREAKFAST a VERCELLI

Offerte alberghi a Vercelli

PREVISIONI del TEMPO a VERCELLI
Prenotazione meteo Vercelli
MUSEI di VERCELLI

museo borgogna vercelli

MUSEO BORGOGNA
La principale pinacoteca di Vercelli, ospita una ricca serie di dipinti del Rinascimento piemontese, diverse opere provenienti da nord e centro Italia, numerosi quadri della scuola veneta del XVI secolo oltre che opere del Seicento, del Settecento e dell'Ottocento italiano.
Presso il Museo Borgogna si può ammirare una ricca collezione di opere della scuola fiamminga, olandese e tedesca.
Dal 1934 sono depositati presso la pinacoteca gli affreschi staccati dalle chiese vercellesi di Santa Maria del Carmine
, San Marco e Santa Caterina.
Tra i nomi dei pittori, le cui opere sono esposte al Borgogna ricordiamo: Gaudenzio Ferrari, Girolamo Giovenone, Bernardino Lanino e Giovanni Antonio Bazzi, detto il Sodoma, i maggiori esponenti della scuola pittorica vercellese.
Il Borgogna ha sede nella via omonima a poche decine di metri da corso Libertà; orari
: da martedì a venerdì 15.00/17.30 (al mattino solo su prenotazione) - sabato 10.00/12.30 - domenica 10.00/12.30 e 14.00/18.00.

MUSEO LEONE

Sono esposte opere e vengono conservati reperti che documentano il passato di Vercelli dalla preistoria all'età moderna.
Il pezzo di maggior pregio è il cofanetto di manifattura limosina,
che risale all'inizio del XIII secolo.
Tra i reperti di epoca romana, ritrovati in provincia di Vercelli ed esposti, di particolare interesse sono la stele bilingue
scolpita in latino e celtico e la Lex Tappula, un frammento bronzeo su cui è inciso un testo goliardico risalente all'epoca dell'Impero Romano.
Sempre di provenienza vercellese, sono le sculture che decoravano il pulpito del Duomo di Vercelli
, i frammenti del mosaico del XII secolo, che ornava il pavimento della Chiesa di Santa Maria Maggiore, il sarcofago in tufo su cui sono scolpiti la Madonna, il Bambino ed i Santi.
Fanno parte della collezione del Museo Camillo Leone anche alcuni volumi del XVI secolo realizzati dagli stampatori di Trino e di Vercelli e una collezione di abiti settecenteschi.
Il Museo Leone ha sede al numero 30 di via Verdi
, a poche decine di metri da piazza Cavour.

museo tesoro del duomo vercelli

MUSEO DEL TESORO DEL DUOMO
Il Museo del Tesoro del Duomo di Vercelli ha sede nel palazzo dell'Arcivescovato
e si trova in piazza d'Angennes.
Il pezzo di maggior pregio dell'intera collezione è il Vercelli book
: un famosissimo codice scritto in inglese antico.
Vi è poi esposta una pergamena che rappresenta la concezione del mondo che si aveva nel Medioevo: in basso a sinistra l'Europa, a destra l'Africa ed in alto l'Asia; il mar Mediterraneo tra Europa ed Africa ed una serie di isole immaginarie intorno ai tre continenti conosciuti.
Nel museo del Duomo di Vercelli è conservato anche il Codex Evangelorum
: un manoscritto risalente al IV secolo d.C., che contiene la prima traduzione dei Vangeli dal greco al latino.

MAPPA TURISTICA ATTRAZIONI di VERCELLI
Mappa di Vercelli
Torna ai contenuti